€ 341.905,04

Totale importo truffato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 7.199

Totale importo recuperato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 38,82

Totale donazioni.

Leggi le varie donazioni !!

Il titolare del sito internet e chi per esso collabora si dichiarano estranei alle questioni date dagli autori nei vari post inseriti

e si offre possibilità di rettifica immediata se non ancora moderata.

info@denunceitaliane.it

(email riservata alle sole moderazioni. Per qualsiasi domanda o esperienza, utilizzare il forum)

Leggete i termini d'uso presenti nella home page prima di postare o aprire nuovi topic.

Domanda Truffa notebook subito.it

05/03/2016 12:42 #10566 da Depino
  • Depino
  • [Depino]
  • Avatar di Depino Autore della discussione
  • Offline

  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder

  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Truffa notebook subito.it è stato creato da Depino
    Buongiorno,

    Ho acquistato un notebook usato trovato su un annuncio su subito.it, e sono andato a ritirarlo direttamente al negozio/centro assistenza, dato che si trovava nella mia stessa città (Roma). Sul posto, le caratteristiche riportate dal BIOS del pc differivano da quelle riportate sull'annuncio online, ma mi è stato assicurato che aggiornando i driver il PC avrebbe riconosciuto il processore e la quantità di RAM installata.

    Una volta portato a casa il notebook, che mi era stato detto essere in perfette condizioni e pronto all'uso, ho subito riscontrato dei problemi, quali il non funzionamento di alcuni tasti, e il disco rigido (che successivamente mi è stato detto essere danneggiato) che non caricava il sistema operativo.
    Il giorno dopo ho prontamente riportato il PC al negozio e mi è stato detto che i problemi sarebbero stati risolti.

    Dopo essere andato a ritirarlo dopo alcuni giorni, la tastiera era stata sostituita ed era stato montato un hard disk di riserva, con la promessa di reperire un disco rigido di tipo SSD da sostituire in un secondo momento.

    Riportato a casa il PC, ho avuto modo di provarlo e scoprire che presentava altri difetti, cioè uno sfarfallio dello schermo dovuto al collegamento difettoso, gli altoparlanti non funzionanti e il modulo WiFi difettoso (non in grado di ricevere il massimo segnale neanche con il modem a fianco, che perdeva il segnale con questo distante un metro), oltre al processore che era sempre un Intel i3 e la RAM di 4gb (e non un i5 con 6gb di RAM).

    Alcuni giorni dopo, nel momento in cui mi è stato comunicato che il disco SSD era arrivato e che potevo riportare il pc per effettuare le modifiche dovute, ho fatto presente tutti questi problemi, venendo ancora informato che sarebbero stati risolti col prossimo intervento.

    Dopo averlo riconsegnato, arriviamo dunque a ieri, venerdì 4 marzo (più di due settimane dopo l'acquisto avvenuto il 18 febbraio), giorno in cui sono andato per l'ennesima volta a ritirare il notebook in negozio.

    Ebbene questo presentava ancora le stesse caratteristiche tecniche (processore e RAM inferiori, scheda video differente da quella riportata nell'annuncio e negli adesivi sul pc) oltre al problema del WiFi e degli altoparlanti verificati davanti al tecnico.

    A questo punto ho perso la pazienza e ho chiesto la restituzione dei 300€ (pagati in contanti dietro rilascio di una ricevuta timbrata) pattuiti per l'acquisto dato che il prodotto non era conforme all'annuncio, e dopo un breve tira e molla uno dei proprietari, il tecnico che si è occupato delle "riparazioni", ha acconsentito alla restituzione in due rate da 150€ da saldare martedì e giovedì prossimo..salvo poi ritrattare in serata, quando sono stato contattato su whatsapp dalla co-proprietaria, che ha cercato prima di convincermi della bontà del mio acquisto, anche se inferiore alle aspettative, e poi ha cercato di patteggiare offrendo un'estensione della garanzia da 3 a 6 mesi e un buono di 50€ come risarcimento per il processore differente, asserendo l'impossibilità di potermi restituire i 300€.

    Per la cronaca, riportato a casa il PC come "garanzia" per riavere indietro i soldi, dopo averlo acceso presentava ancora problemi ai collegamenti del display, e dopo appena 2-3 minuti lo schermo si è infine completamente oscurato.

    Vi chiedo dunque, come dovrei muovermi? A chi dovrei rivolgermi?

    Mi scuso per essermi dilungato, ma ho cercato di non tralasciare alcunché. Sono a disposizione se servissero maggiori dettagli, purtroppo è la prima volta che mi capita di affrontare una situazione del genere.

    Un saluto e grazie per tutto il supporto che possiate darmi.
    05/03/2016 17:26 - 05/03/2016 17:27 #10567 da SaugKing

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 346
  • Karma: 11
  • Ringraziamenti ricevuti: 34

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: 26 Ott 2018
  • Risposta da SaugKing al topic Truffa notebook subito.it
    La tua situazione va affrontata dal punto di vista civilistico e non penale (la truffa non c'entra). Avendo tu acquistato da un venditore professionale, la legge ti mette a disposizione 2 strumenti di tutela:

    1. il diritto di recesso da esercitarsi attraverso raccomandata A/R entro 14 giorni solari dalla data di consegna della merce. Se però il venditore non ha adeguatamente informato l'acquirente su questo diritto (controlla l'annuncio o la ricevuta che ti hanno rilasciato, ci deve essere il riferimento al recesso), il termine si allunga di 1 anno.
    2. la garanzia legale di conformità che ha durata di 2 anni (riducibile a 1 se pattuito in questo senso) da far valere entro 2 mesi dalla scoperta del difetto. In questo caso il compratore ha diritto alla riparazione/sostituzione integrale e senza spese del bene. Qualora la riparazione/sostituzione sia impossibile da parte del venditore, allora si ha diritto al rimborso parziale o totale del prezzo pagato (in quest'ultimo caso il bene va restituito).

    Come vedi quindi la legge è dalla tua. Se non si riesce a risolvere bonariamente la situazione con venditore, non ti rimane che rivolgerti al giudice di pace previo invio di una raccomandata di messa in mora al venditore.
    Ultima Modifica 05/03/2016 17:27 da SaugKing.
    06/03/2016 09:11 #10569 da Depino
    • Depino
    • [Depino]
    • Avatar di Depino Autore della discussione
    • Offline

  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder

  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da Depino al topic Truffa notebook subito.it
    Ciao SaugKing, grazie della pronta risposta.

    Mi sono informato un po' riguardo al diritto di recesso..è specificato che è applicabile solo alle compravendite concluse a distanza o fuori dai locali commerciali.

    Ebbene io ho pagato in contanti al momento della consegna del notebook, il tutto avvenuto proprio dentro al negozio. Non sono quindi tutelato dal diritto di recesso, oppure ho interpretato male io?

    Io ovviamente preferirei riavere indietro i soldi e non avere più a che fare con queste persone, perché hanno dimostrato in queste due settimane di non meritare alcun tipo di fiducia da parte mia, né alcuna serietà professionale. Non potrei in alcun modo far leva sull'annuncio (di cui ho fatto screenshot e salvato il link) per forzare la mano e metterli spalle al muro?
    06/03/2016 10:49 #10570 da SaugKing

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 346
  • Karma: 11
  • Ringraziamenti ricevuti: 34

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: 26 Ott 2018
  • Risposta da SaugKing al topic Truffa notebook subito.it

    Depino ha scritto: Mi sono informato un po' riguardo al diritto di recesso..è specificato che è applicabile solo alle compravendite concluse a distanza o fuori dai locali commerciali.
    Ebbene io ho pagato in contanti al momento della consegna del notebook, il tutto avvenuto proprio dentro al negozio. Non sono quindi tutelato dal diritto di recesso, oppure ho interpretato male io?


    A mio avviso si rientra pienamente nel recesso, perché la compravendita è un contratto consensuale e quindi si perfeziona con la semplice manifestazione del consenso tra le parti (proposta-accettazione) e non con il pagamento del prezzo o la consegna. Siccome tu hai scelto il prodotto visionando delle foto su internet, (dunque hai effettuato la proposta, ossia hai manifestato la "volontà di acquistare", a distanza) e il venditore sempre su internet ti ha manifestato il suo assenso (accettazione) hai pienamente diritto al recesso. Questo è l'unico modo per riavere i soldi. Il venditore ha fornito informativa sul diritto di recesso nell'annuncio?
    Se invece parliamo di garanzia legale, il venditore è obbligato soltanto alla riparazione/sostituzione ma non a ridarti i soldi a meno che sia impossibile riparare/sostituire l'oggetto.
    Cercate sempre una soluzione bonaria. Se questi signori si dicono disposti alla integrale riparazione, accetta, tanto il notebook se fosse stato funzionante lo avresti comunque tenuto. Se invece non è possibile raggiungere una soluzione pacifica, bisogna andare per vie legali dal giudice di pace. Magari puoi rivolgerti per assistenza ad una associazione di consumatori.
    Tempo creazione pagina: 0.218 secondi

    Viribus Unitis

    Donazioni tramite Paypal.me

    Donazioni per la gestione, la manutenzione, l'hosting e il dominio per denunceitaliane.it.

    Per aiutarci a mantenere attivo denunceitaliane.it puoi utilizzare il seguente link paypal.me/denunceitaliane

    Non utilizzando pubblicità all'interno del sito internet dipendiamo completamente dalle donazioni.

    Grazie per il tuo supporto.