€ 341.905,04

Totale importo truffato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 7.199

Totale importo recuperato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 38,82

Totale donazioni.

Leggi le varie donazioni !!

Il titolare del sito internet e chi per esso collabora si dichiarano estranei alle questioni date dagli autori nei vari post inseriti

e si offre possibilità di rettifica immediata se non ancora moderata.

info@denunceitaliane.it

(email riservata alle sole moderazioni. Per qualsiasi domanda o esperienza, utilizzare il forum)

Leggete i termini d'uso presenti nella home page prima di postare o aprire nuovi topic.

Domanda Qualche considerazione sul fallimento

23/01/2011 18:05 #27 da illupodeicieli
  • illupodeicieli
  • [illupodeicieli]
  • Avatar di illupodeicieli Autore della discussione
  • Offline

  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder

  • Messaggi: 4
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Qualche considerazione sul fallimento è stato creato da illupodeicieli
    E' la prima volta che scrivo e anche se sul mio blog l'argomento "fallimento" è stato da me ampiamente trattato, anzi il blog nacque per quel motivo ovvero far sapere qualcosa di quel mondo, mi è stata fornita l'occasione per "non tacere". In effetti dopo oltre duemila post quasi tutti incentrati sul fallimento, ero giunto alla conclusione che forse chi frequentava il blog ne aveva le tasche piene di leggere un giorno sì e l'altro pure di questo tema. E so bene che qualcuno pensa che chi scrive si piange addosso al pari del commerciante che pur vendendo dice sempre che vende poco o nulla. So anche che alcuni invece ignoravano completamente l'argomento cui ho affiancato temi che, alcune volte si legano tra loro, come le tasse, i rapporti con banche e finanziarie, equitalia, la grande distribuzione. Per tornare al fallimento devo dire che il tema è poco chiaro: l'unica cosa che si sa, nel mio caso, è che sono stato dichiarato fallito nel 2004 e che da allora non ricevo più versamenti contributivi. Ci sono state poi delle modifiche (salvo errore nel 2006 e nel 2008) che non so come verranno o vengono interpretate: per esempio con una di queste potrei riprendere a lavorare in maniera autonoma ma non nello stesso settore. E qui già a mio avviso nascono i primi dubbi: chi a un fallito concederebbe un fido o anche l'apertura di un conto corrente? Lasciando perdere il fido ho provato a chiedere l'apertura di un conto corrente bancario ma risulta il fallimento. Si sa anche che non esisterebbe più l'elenco o l'albo dei falliti, ma come tutti sanno si possono salvare i dati su pc e so di banche che hanno ancora il cartaceo in uso (come la droga: per uso personale)...e lo adoperano quando devono fare le radiografie e ...non concedere mutui, prestiti, fidi,aperture di c/c. Mi fermo qui per non annoiare nè per strappare lacrime con episodi, miei o di persone che ho conosciuto (anche online) ma che potrebbero soltanto far esclamare:possibile che qui sia ancora così? E la seconda possibilità? Quella è concessa in alcuni paesi europei: qui,se mai avverrà, verrà monitorato il tutto da qualche politico come supervisore che indirizzerà lavoro e flusso di denaro come avviene oggi:dove vuole lui.
    illupodeicieli
    http//illupodeicieli.leonardo.it
    24/01/2011 16:58 #28 da denunceinrete
    • denunceinrete
    • []

  • Visitatori
  • Visitatori

  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da denunceinrete al topic Qualche considerazione sul fallimento
    Grazie per la testimonianza e la tua presenza in rete, caro lupodeicieli.

    Ci sarà mai un mondo migliore?.. .


    Denuce In Rete. :(
    Tempo creazione pagina: 0.199 secondi

    Viribus Unitis

    Donazioni tramite Paypal.me

    Donazioni per la gestione, la manutenzione, l'hosting e il dominio per denunceitaliane.it.

    Per aiutarci a mantenere attivo denunceitaliane.it puoi utilizzare il seguente link paypal.me/denunceitaliane

    Non utilizzando pubblicità all'interno del sito internet dipendiamo completamente dalle donazioni.

    Grazie per il tuo supporto.