€ 341.905,04

Totale importo truffato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 7.199

Totale importo recuperato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 38,82

Totale donazioni.

Leggi le varie donazioni !!

Il titolare del sito internet e chi per esso collabora si dichiarano estranei alle questioni date dagli autori nei vari post inseriti

e si offre possibilità di rettifica immediata se non ancora moderata.

info@denunceitaliane.it

(email riservata alle sole moderazioni. Per qualsiasi domanda o esperienza, utilizzare il forum)

Leggete i termini d'uso presenti nella home page prima di postare o aprire nuovi topic.

Domanda consiglio su come affrontare una vera ingiustizia legale

22/04/2011 17:15 #138 da parini
  • parini
  • [parini]
  • Avatar di parini Autore della discussione
  • Offline

  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder

  • Messaggi: 1
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Torino 20/04/2011


    Con la presente vi chiedo cortesemente un parere o un consiglio su come affrontare un problema relativo ad una vera ingiustizia legale: una condanna civile col pagamento di tutte le spese legali ( circa 20.000 euro) ; tutto questo a causa di un incidente stradale del 26/10/2003 in cui sono stata investita da un finanziere e grazie al quale ho riportato dei danni permanenti e ho perso il lavoro che svolgevo in quel periodo, rimanendo senza alcuna retribuzione fino a giugno 2004 senza poter usufruire di giorni di malattia. Premetto che l’assicurazione mi ha liquidato con euro 6.600 ( comprese di spese legali del mio avvocato) dandomi il 70% di colpa nonostante il medico legale della Toro assicurazioni mi avesse riconosciuto un 7/8 % di danno permanente e il mio medico legale di parte il 10%.

    Il mio avvocato pertanto mi comunica che avremmo trattenuto tale importo come acconto e avremmo provveduto a richiedere il giusto risarcimento.

    Il medico legale CTU nominato dal giudice esprime una valutazione del danno in misura del 3% e chiedendo vari pareri ad avvocati, medici legali e consiglieri dell’ordine degli avvocati mi è stato riferito che tale punteggio viene riconosciuto ad un semplice colpo di frusta.

    Ho una caviglia storta con due viti dentro che è sempre dolorante, anche a distanza di 5 anni.

    In questa occasione il mio avvocato mi aveva erroneamente detto che ulteriore documentazione medica l’avrei potuta portare il giorno stesso della visita medica, ma purtroppo non era così; avrebbe dovuto richiedermela e consegnarla entro un certo termine prefissato dal giudice.

    Il medico legale anche se ha accettato ugualmente di vedere almeno le lastre non ha considerato nella valutazione i problemi al naso che ho comunicato e documentato conseguenti l’incidente, ma altri documenti medici che avevo con me quel giorno non li ho potuti consegnare; oltretutto a seguito dell’incidente e di tutte queste ingiustizie ho avuto e ho ancora oggi dei problemi di salute non indifferenti.

    Secondo alcuni avvocati tale valutazione risulta bassa perchè non ho portato il mio medico legale di parte e non capisco quindi perchè uno deve pagare per farsi riconoscere la giusta percentuale di danno; anche perchè avevo già pagato un mio medico di parte terminata la fisioterapia e anche perchè al CTU ho dovuto pagare 240 euro di visita di tasca mia. Dopo tutte le spese, cioè, dovevo ancora pagare di nuovo il mio medico legale di parte?!

    Altra ingiustizia all'inizio di questa storia assurda è che.. sono stata multata dai vigili urbani perché secondo i testimoni non ero sulle strisce pedonali , mentre la persona che mi ha investito non è stata multata nonostante i testimoni avessero dichiarato una velocità sostenuta (la frenata era lunga 7 metri); ha iniziato a frenare solo dopo che mi ha investito.

    Una dei testimoni nel verbale dei vigili testimonia che prima della frenata non aveva notato il pedone e che mi ha visto solo nel momento in cui sono stata investita dall'auto, mentre davanti al giudice, a distanza di quattro anni, dichiara che si ricordava del pedone perchè era strano vedere attraversare un incrocio così grande ed erroneamente diceva che attraversavo da sinistra verso destra (dal fiume po direzione ospedale mauriziano ) ; per tale contraddizione è stato fatto rientrare in aula nuovamente il marito che era in auto con lei per confrontare le testimonianze perchè lui giustamente ha dichiarato che attraversavo da destra verso sx. Tale testimone dichiara che l'investitore era nella parte interna della semicarreggiata, ma ciò non è possibile come risulta dalla stessa dichiarazione dell'investitore e cioè che aveva delle auto davanti che gli precludevano la visuale e superandole a velocità sostenuta mi ha investito.

    Il testimone davanti al giudice dichiara che quando sono stata investita mi trovavo sulla propria traiettoria e pertanto l'auto l'ha superato oltrepassando la propria carreggiata.

    Oltretutto il testimone dichiara che era appena ripartito e aveva percorso 2/3 metri, pertanto l'auto che mi ha investito non può avermi colpito a 11 metri dalle strisce pedonali.

    La ricostruzione dei vigili non è corretta ; secondo loro il punto d'impatto è stato a 11 metri dalle strisce pedonali ma non è stato così perchè l'investitore ha spostato l'auto e i cocci che hanno trovato in prossimità del tombino al centro dell'incrocio, sono stati sicuramente spostati dalle altre auto o si trovano in prossimità del luogo in cui è stata spostata l'auto.

    Oltretutto, se avessi attraversato al centro di un incrocio come corso Dante dove ci sono le auto che dal corso girano su via Nizza, sarei stata sicuramente investita da loro. Oltretutto ricordo che quando mi sono alzata ho fatto pochissimi passi per arrivare a sedermi sul gradino della banca unicredit che si trova proprio all'angolo in prossimità delle strisce pedonali e tale distanza non era sicuramente 11 metri.

    Pertanto in base a tutti questi elementi è chiaro che è stata fatta una ricostruzione in base alle dichiarazioni non corrette soprattutto da parte dell'investitore.

    Soprattutto perchè l’investitore non è stato multato dai vigili urbani?

    LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI .


    Sono stata sbalzata sul cofano, sul parabrezza e sul tettuccio per poi cadere a terra riportando trauma cranico e facciale e una frattura multipla del malleolo interno della caviglia sx con conseguente operazione e inserimento di due viti malleolari che ho ancora oggi .


    Addirittura nel verbale dei vigili urbani ha dichiarato di avere dei bolli sulla portiera destra dove io praticamente non potevo aver sbattuto.


    Ho sicuramente la mia parte di colpa visto che ho iniziato ad attraversare con luce gialla ma l'investitore senza dubbio ha avuto una condotta di guida molto pericolosa visto che procedeva a velocità sostenuta e sorpassando ha invaso la carreggiata opposta in prossimità di un incrocio semaforico e trafficato come questo . Mi chiedo sempre e lo ripeterò più volte perchè non è stato multato dai vigili urbani la persona che mi ha investito?


    Riporto quanto scritto dal giudice nelle motivazioni della sentenza: la persona che mi ha investito che stava attraversando un incrocio con semaforo appena scattato verde avrebbe dovuto rallentare la velocità per assicurarsi che non ci fossero dei pedoni che dovevano completare l’attraversamento; egli tuttavia non ha fornito prova di aver ridotto la velocità al momento di superare il semaforo; anzi i testimoni avevano riferito una velocità sostenuta dell’auto e che la velocità non fosse contenuta sembra confermato dalla frenata lunga 7 metri.

    Io stessa voglio precisare che l’investitore ha oltrepassato la propria corsia di marcia superando le auto ancora ferme al semaforo; si contraddice quando dichiara che era sulla propria corsia dicendo che in quel punto Via Nizza permette il transito di 3 auto, mentre poi afferma che le auto ferme al semaforo gli precludevano la visuale. Infatti un testimone dice che quando l’auto mi ha investito io ero sulla traiettoria di una delle due auto ferme al semaforo.

    Pertanto ha oltrepassato la propria corsia di marcia, è passato davanti superando l’auto davanti a lui e mi ha investito e ha iniziato a frenare solo dopo avermi colpito e questo perché andava ad una velocità sostenuta e soprattutto non ha rispettato il codice della strada in vicinanza di un incrocio semaforico.

    Come riporta il giudice infatti avendo la visuale preclusa a maggior ragione aveva l’obbligo di ridurre la propria velocità che gli avrebbe consentito di arrestarsi di fronte ad un ostacolo improvviso.

    Il giudice riconosce un concorso di colpa al 50%, però vista la percentuale espressa dal Ctu ritiene che io sia già stata risarcita anche troppo dall'assicurazione e pertanto decide di condannarmi al pagamento di tutte le spese legali.


    Secondo pareri di vari avvocati se avessi ricevuto un riconoscimento anche di soli 2 punti superiori non avrei dovuto pagare nulla e quindi penso che ingiustizia sia stata fatta anche in questo caso.

    Una persona non può pagare ingiustamente per errori di questo tipo e per la non diligenza nello svolgimento del mandato professionale da parte di avvocati che si sono poco interessati alla pratica.


    Il mio avvocato non ha avuto neanche la delicatezza di telefonarmi ma mi ha inviato direttamente una raccomandata per informarmi dell’esito della sentenza e allegandomi la parcella da pagare.

    Bisogna evitare gli avvocati che ti promettono di ottenere risultati esageratamente positivi senza neanche conoscere nei dettagli la pratica solo per avere l’incarico.

    La sentenza è stata depositata dal giudice in data 25/10/2007 e ho già ricevuto tre precetti dall’avvocato della controparte.

    QUESTA NON E’ GIUSTIZIA
    OLTRE IL DANNO ANCHE LA BEFFA!!!

    Ho già presentato un esposto contro il mio avvocato al consiglio dell'ordine ma non ritengono che ci sia alcun elemento di responsabilità deontologica nel comportamento dell'avvocato stesso.

    Come cittadina italiana, non sono tutelata dalle leggi italiane!!

    Dove li trovo tutti questi soldi

    che dovrei richiedere, invece, io, come risarcimento per tutta questa ingiustizia!!

    Mi sto veramente rovinando la salute e

    spero che qualcuno consideri questa vera ingiustizia e possa aiutarmi. Grazie.

    Ci sarebbero altre cose da raccontare ancora, ma piu' ci ritorno e piu' mi innervosisco.

    Avevo già pagato uno studio legale a cui ho tolto il mandato, a inizio causa, perchè mi chiedevano soldi in anticipo per mandare avanti la pratica, e poi ne ho trovato un altro ancora peggio.

    Mi sono fidata di avvocati sbagliati sicuramente e poco professionali.

    Distinti saluti.

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    L\'Argomento è stato bloccato.
    23/04/2011 14:05 #139 da luxlux

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 3357
  • Karma: 74
  • Ringraziamenti ricevuti: 356

  • Sesso: Uomo
  • Data di nascita: 06 Gen 1978
  • Ciao Giorgia,

    Dispiace molto per quello che ti è successo e da quello che scrivi sembra una situazione senza uscita.

    Rileggendo il post del moderatore Fabio Del Toro:

    www.denunceitaliane.it/forum/abuso-di-potere-/21-denunciare-...cato-vade-mecum.html

    Credo che dovresti trovare un avvocato disposto ad andare contro le illegalità dei colleghi e medici e da li iniziare una causa contro queste persone.

    Io purtroppo non conosco bene i vari passaggi legali che bisognerebbe affrontare, ma sicuramente il moderatore Fabio può indirizzarti sulla giusta strada, anche se credo che per percorrerla hai bisogno di un legale che vada contro i suoi colleghi ed i vari errori burocratici che hanno creato e che si sono verificati. Ma qui in Italia sembrerebbe una situazione paranormale, mi domando se potresti far intervenire un avvocato estero che combatta al tuo fianco sul territorio Italiano.


    Questo è il mio pensiero, so che non è molto incoraggiante e che è poca cosa. Spero però che riuscirai a far valere i tuoi diritti di Cittadina, come giusto che sia.

    Un abbraccio
    L\'Argomento è stato bloccato.
    23/04/2011 18:08 #140 da Fabio Del Toro
    • Fabio Del Toro
    • [Fabio Del Toro]
    • Avatar di Fabio Del Toro
    • Offline

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 29
  • Ringraziamenti ricevuti: 3

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da Fabio Del Toro al topic consiglio su come affrontare una vera ingiustizia legale
    Carissima GIORGIA PARINI,

    Ho cercato di leggermi la tua storia e di farmi una idea del problema ma in realtà, non si tratta di UN problema, quanto invece di una serie stratificata di problematiche, ogniuna delle quali richiederebbe una lunga discussione ed analisi separata.

    Innanzi tutto, il tuo racconto, pur verosimile è il racconto di parte di una persona che vede i fatti dal punto di vista della vittima che subisce i problemi e le ingiustizie.

    Tu sei quella che ha subito le lesioni, poi sei quella che non è stata assistita correttamente dalle accorse forze di polizia e in seguito anche la malagiustizia ci ha messo del suo per renderti ancor peggiori i postumi dell'incidente.
    Se poi come dici tu, anche la tua assistenza legale non è stata capace di far valere le tue ragioni allora siamo veramente messi malissimo.

    Ora devo lasciarti ma mi riprometto di scrivere qualcosa sui temi da te affrontati ma la vedo davvero dura di rindrizzare una cosacosì storta.

    Dammi qualche giorno per rileggere meglio e senza prometter nulla proverò a dare un piccolo consiglio o due ma la vedo molto in salita la situazione.

    A presto


    Fabio
    L\'Argomento è stato bloccato.
    27/04/2011 00:11 #141 da giorgia parini
    • giorgia parini
    • []

  • Visitatori
  • Visitatori

  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da giorgia parini al topic consiglio su come affrontare una vera ingiustizia legale
    Vi ringrazio molto.

    non sapete quanto mi sta rovinando questa storia da 7 anni......non posso trovare un altro avvocato per mettersi contro una sentenza che ormai è stata fatta......per poi perderla e dover pagare ancora altro........è possibile che la legge italiana sia questa............non si può fare proprio nulla.....o paghi se hai i soldi....o ti ammazzi e magari poi la storia viene messa a conoscenza.....ma per legge. é tutto legale quello che mi è successo.......anzi domani vado a chiedere la colletta agli avvocati davanti al tribunale......tanto sono dei ladri legalizzati pieni di soldi

    la mia mail è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.... ..POSSO LASCIARE ANCHE UN MIO TEL 3477463888........comunque domani dovrò già dare 500 euro che mi hanno prestato e poi 100 euro al mese per 5 anni..........l'avvocato ha già tentato il pignoramento fuori orario....io abito da mia sorella.....non ho nulla intestato e i mobili sono suoi.....ma non ha le fatture....oltretutto l'avvocato , non so se voleva spaventarmi.....ma mi ha detto che avrebbe chiesto tramite istanza l'apertura forzata ..........cifra precetto 5.500.....cosa devo fare? altrimenti procede......non c è stato verso...gli ho anche proposto subito 1500....indebitandomi ancora per chiudere questa storia....non ne posso più
    L\'Argomento è stato bloccato.
    29/04/2011 12:27 #142 da Fabio Del Toro
    • Fabio Del Toro
    • [Fabio Del Toro]
    • Avatar di Fabio Del Toro
    • Offline

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 29
  • Ringraziamenti ricevuti: 3

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da Fabio Del Toro al topic consiglio su come affrontare una vera ingiustizia legale
    Leggendo il tuo racconto è evidente che la situazione è abbastanza drammatica.

    Dobbiamo però ribadire che in questo forum non si RIcelebrano i processi e che il tuo racconto , sebbene sia credibile non può esser preso per oro colato.

    Mi pare che le cose siano molto compromesse e temi sono tanti ma mi pare poco credibile che il tuo avvoato ti abbia " garantito " dei risultati visto che nessun avvocato serio può avere certezza sull'esito della causa.

    Se come dici ci sono state delle irregolarità devi però saperle provare e dimostrare e in questo caso potresti appellarti al Consiglio dell'Ordine degli avvocati a cui appertiene.

    Per quanto riguarda la causa in generale si tratta di capire se la cosa è passata " in giudicato " cioè se le tue sentenze sono definitive.

    Se lo fossero la partita è chiusa, se invece non lo sono allora dovresti valutare se vale la pena cantinuare o meno.

    Nel caso che tutto in Italia è finito e se ci sono delle dimostrabili irregolarità, potresti rivolgerti alla giustizia europea.

    Se sei in possesso dei documenti, puoi pensarci se invece non hai in mano nulla allora sei davvero senza speranza....

    Facci sapere

    Fabio
    L\'Argomento è stato bloccato.
    Tempo creazione pagina: 0.151 secondi

    Viribus Unitis

    Donazioni tramite Paypal.me

    Donazioni per la gestione, la manutenzione, l'hosting e il dominio per denunceitaliane.it.

    Per aiutarci a mantenere attivo denunceitaliane.it puoi utilizzare il seguente link paypal.me/denunceitaliane

    Non utilizzando pubblicità all'interno del sito internet dipendiamo completamente dalle donazioni.

    Grazie per il tuo supporto.