€ 341.905,04

Totale importo truffato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 7.199

Totale importo recuperato.

Leggi le varie esperienze !!

€ 38,82

Totale donazioni.

Leggi le varie donazioni !!

Il titolare del sito internet e chi per esso collabora si dichiarano estranei alle questioni date dagli autori nei vari post inseriti

e si offre possibilità di rettifica immediata se non ancora moderata.

info@denunceitaliane.it

(email riservata alle sole moderazioni. Per qualsiasi domanda o esperienza, utilizzare il forum)

Leggete i termini d'uso presenti nella home page prima di postare o aprire nuovi topic.

Domanda Abuso di potere dei magistrati: ULTRACASTA italiana, leggere il libro

26/11/2010 08:00 - 05/03/2011 01:26 #11 da Fabio Del Toro
  • Fabio Del Toro
  • [Fabio Del Toro]
  • Avatar di Fabio Del Toro Autore della discussione
  • Offline

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 29
  • Ringraziamenti ricevuti: 3

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Salve a tutti !

    Inauguro questa sezione degli abusi di potere con la denuncia che ho recentemente inoltrato contro dei magistrati che hanno enormemente abusato dei loro poteri.
    Siccome mi sono impegnato ( proprio nella denuncia stessa ) a trattenere i dettagli fino al gennaio 2011, al momento accennerò soltanto ai fatti, mentre dal prossimo anno, entrerò nei dettagli riportando anche i riferimenti precisi che riguardano la vicenda.

    Quello che vorrei raccontare però è che il sistema giudiziario italiano, IN TEORIA prevede dei meccanismi di autocontrollo, ma in pratica è una barzelletta credere che davvero un magistrato indagherà seriamente sull'operato di un'altro magistrato.
    Nel mio caso infatti, si trattava di un Giudice che durante una udienza su un processo di appello, doveva astenersi per il semplice fatto che aveva già partecipato a decisioni durante il primo grado.
    E' fin troppo semplice capire per tutti che in appello, un cittadino ci va con l'idea di incontrare dei giudici nuovi e non lo stesso giudice che lo aveva già " danneggiato " otto anni prima con quella sentenza che ritene ingiusta e per quel motivo, ricorre in appello.
    Siccome questo magistrato però mi conosceva fin troppo bene, per nascondere la sua presenza durante quella udienza.... semplicemente firma a nome di un'altro magistrato, quindi io non posso rendermi conto che il giudice che mi stava giudicando era di nuovo quello che mi aveva già giudicato in precedenza.
    Quando scopro tutto questo procedo per una vera e propria denuncia penale nei confronti del magistrato che si è nascosto dietro al nome di un'altro, ma quando la vicenda viene analizzata dalla procura competente, il caso viene immediatamente archiviato... il motivo è semplice: Il Giudice da me incolpato, NEGA, dice che non c'era... e anche il suo superiore, il Presidente di Corte di Appello lo appoggia e gli sostiene la tesi.
    Ovviamente chi svolge le indagini ( presso un'altra città, visto che ovviamente non poteva trattarsi della stessa procura dello stesso Tribunale ) crede ciecamente alle versioni dei colleghi e chiude istantaneamente la pratica archiviando.
    Quando io propongo poi, la opposizione alla archiviazione chiedendo di essere sentito... vengo convocato, ma il secondo magistrato che doveva ascoltarmi, mi accoglie con un fare SCOCCIATISSIMO, e neppure vuole ascoltarmi per 5 minuti, mi dice di lasciare i fogli e di andarmene che lui ha tanto da fare.
    Anche il secondo magistrato, quindi archivia il caso come il primo e dunque se un giudice dichiara il falso, se firma al posto di un'altro, se si prende una causa che non gli compete, tutto rimane impunito per il principio di autoassoluzione della casta.

    Imperterrito e combattivo denuncio la cosa anche alla Procura Generale Presso la Corte di Cassazione, al Ministro della Giustizia oltre che al Consiglio Superiore della Magistratura....è proprio il DECRETO LEGISLATIVO 23 febbraio 2006, n.109 che ne disciplina la procedura:

    Disciplina degli illeciti disciplinari dei magistrati, delle relative sanzioni e della procedura per la loro applicabilita', nonche' modifica della disciplina in tema di incompatibilita', dispensa dal servizio e trasferimento di ufficio dei magistrati, a norma dell'articolo 1, comma 1, lettera f), della legge 25 luglio 2005, n. 150.

    però nel mio caso avviene questo:
    1) gli uffici che dovevano verificare ( a Roma )... NON MI RISPONDONO MAI ! sebbene io mandavo raccomandate AR, non mi hanno mai risposto con uno straccio di letterina, neanche un laconico: ci stiamo lavorando.
    2) dispongo anche loro la ARCHIVIAZIONE dunque decidono di chiudere il caso senza neppure avvertirmi ( e pensare che io il richiamo al 408 cpp lo avevo pure fatto ! )
    3) quando poi, andando di persona a vedere a che punto erano le indagini a Roma, scopro che hanno archiviato tutti "a cascata", l'uno dopo l'altro, appoggiandosi sulle risultanze di quello di prima quindi il cerchio si chiude così.
    RICAPITOLANDO:

    1) Ti condannano ingiustamente nella tua città ... ( l'unico testimone è un avvocato che lavora per lo studio che ha promosso la causa )
    2) tu porti il processo in appello nel capoluogo ma incontri a presiedere l'appello di nuovo un giudice che ti ha già deciso contro nella città dove hai perso...
    3) tu ti accorgi che c'è un sotterfugio, che i nomi sopra le udienze sono scambiati e che questa gente firma al posto L'UNO dell' ALTRO, provi a protestare e fai delle denunce ( ultra circostanziate con fotocopie, date ricostruzioni precisissime )
    4) chi indaga in un'altro capoluogo di provincia riceve informazioni false e fuorvianti dai colleghi del capoluogo dove si sono svolte le irregolarità e immediatamente crede a loro e non a chi ha fatto le denunce..praticamente senza ricontrollare i documenti, le date e le dichiarazioni.
    5) a Roma dove dovrebbero verificare le cose prendono per buone le indagini superficiali della Procura che ha creduto alle scuse artefatte degli indagati ( D'ALTRONDE SONO DEI COLLEGHI...sicuramente si davano del "tu" al telefono )
    alla fine l'ufficio del Ministro riceve l'archiviazione dalla Procura Generale in Cassazione che dice che crede alle indagini fatte, e dunque a cascata tutto si risolve in un NULLA.

    A gennaio 2011 racconterò i dettagli di tutto questo ( prove alla mano come sempre ).

    Fabio http://www.ibs.it/code/9788845262869/livadiotti-stefano/magistrati-l-ultracasta.html
    Ultima Modifica 05/03/2011 01:26 da [bella].
    04/03/2011 05:28 #71 da denunceinrete
    • denunceinrete
    • []

  • Visitatori
  • Visitatori

  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Hai collaborato alla stesura di questo libro? O, lo indichi solo come riferimento?

    Quello che dici è gravissimo e spaventoso: siamo in pratica in pieno Fascismo, se nessuno ci difende e dobbiamo/possiamo solo subire, cosa ci resta da fare? Pregare? Boh..

    Pensi che scrivere alla Corte di Giustizia Europea servirebbe a qualcosa?

    Un caro abbraccio.

    Denunce in rete. :( :unsure:
    09/07/2011 23:20 #244 da Separaz

  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder

  • Messaggi: 1
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Come faccio a difendermi dai Magistrati?


    Salve, Sgr Del Toro;

    sono Angela e mi sto ammalando per una separazione giudiziaria dove ho assistito a fatti allucinanti sia dai legali che dai Magistrati..

    Ho esposto i fatti in Procura due anni fa, su come venivo assistita. La giudice è stata sostituita, ma i legali, arrabbiati per i miei scritti, cessarono di tutelarmi.


    Ho cambiato 4 legali, ed ho denunciato all'Ordine degli Avvocati -con relative fatture-, descrivendo i comportamenti deontologicamente scorreti ma,

    l'Ordine, ha risposto che non c'era motivo di procedere...


    Ora, dopo 6 anni di Cavario, ho ritirato di persona la Sentenza emessa il 9 aprile.

    Sono esterefatta! Nonostante la CtU finanziaria, mi hanno resa intestataria di due appartamenti!! Ne ho uno e, visibile dalla consulenza finanziaria.

    Hanno scritto che il coniuge ha una figlia naturale dalla compagna, quando non esiste traccia di figlia! Questa truffa, sicuramente è stata inventata dalla controparte per diminuire l'assegno ai nostri due figli.


    Non sto a descrive cosa ho subito anche dal punto di vista penale...due condanne di fatti non veri per i quali ho dovuto ricorrere all'appello...

    Posso denunciare in procura l'operato dei 3 Magistrati che hanno emesso la sentenza? Quali conseguenze potrò avere oltre quelle che sto pagando?


    Scusandomi per la descrizione sintetizzata, spero di aver posto chiaramente il problema.

    Cordilamente


    Angela
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    10/07/2011 18:22 #245 da Fabio Del Toro
    • Fabio Del Toro
    • [Fabio Del Toro]
    • Avatar di Fabio Del Toro Autore della discussione
    • Offline

  • Moderator
  • Moderator

  • Messaggi: 29
  • Ringraziamenti ricevuti: 3

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Carissima Angela,

    Bisogna innanzitutto distinguere sempre due vie principali e sono quella del classico " errore giudiziario " in cui i magistrati vengono tratti in inganno da indizzi, testimoniante e simili questioni che li possono ONESTAMENTE portare ad una errata decisione ma comunque sempre in buona fede.
    Dunque considerato che un magistrato è pur sempre una persona che può commetter errori, se tu sei stata giudicata male, questo non significa affatto che i magistrati con cui cel'hai tanto possano esser accusati di alcun che.

    Il loro lavoro infatti prevede una grandissima tutela ed una enorme discrezionalità sulle decisioni che però poi, devono esser motivate nelle sentenze.

    Esistono poi i successivi gradi di giudizio dove un innocente come te potrebbe e potrà far valere le sue ragioni e dimostrare ai giudici che si occuperanno poi del tuo cas, che i colleghi di prima avevano sbagliato.
    Questo è successo ( ad esempio ) per Tortora e potrebbe succedere per te come per tanti altri.

    Esiste però anche il cosidetto " DOLO E COLPA GRAVE " che configura quei casi in cui i magistrati sbagliano.... sapendo di sbagliare o comunque lo fanno con una leggerezza tale per cui possono venire accusati, incolpati dai loro colleghi ed eventualmente subire provvedimenti diciplinari.

    Io stesso ho vissuto un caso di questo tipo in cui ho dovuto impegnarmi per lungo tempo a denunciare dei magistrati che; a mio modo di vedere, erano e sono colpevoli della cosa che ho appena detto: DOLO E COLPA GRAVE.

    La vicenda non è affatto finita e anzi fra tre giorni devo andare a Genova a depositare una mia testimonianza in proposito dunque non ne vorrei parlare più di tanto in questo momento.

    Ti posso dire che comunque il problema principale è senza dubbio il fatto che gli avvocati non vogliono e non possono aiutarti, trovare un legale che sia disposto a scontrarsi con i giudici corrisponde a trovare la famosa mosca bianca ed io ho infatti imparato a fare da solo ( era l'unico modo per andare avanti ).

    Volevo pubblicare un vademecum su come si dennunciano i magistrati ma ho deciso che lo farò a vicenda conclusa ( parlo della mia ).

    Per il momento ti invito a leggere questa interrogazione parlamentare che l'Onorevole Borghesi ha presentato sul mio caso:

    www.culturale.it/deputati/

    Come dicevo anche ad un'altra persona io sno davvero indaffaratissimo e mi piange il cuore vedere che tanta gente sta passando pene simili alle mie ma non sono in grado di aiutare tutti perchè dovrei leggermi tutte le cose, analizzare attentamente e sarebbe dunque un vero ABUSO DI PROFESSIONE,
    non sono un avvocato, ne mastico qualcosa per esperienza mia diretta ho studiate le cose da solo ma conosco solo leggi ed articoli che riguardano il mio caso e non i codici in generale.

    Posso dare qualche piccolo consiglio quando trovo tempo

    MI SPIACE


    Cordialità

    Fabio Del Toro
    Tempo creazione pagina: 0.244 secondi

    Viribus Unitis

    Donazioni tramite Paypal.me

    Donazioni per la gestione, la manutenzione, l'hosting e il dominio per denunceitaliane.it.

    Per aiutarci a mantenere attivo denunceitaliane.it puoi utilizzare il seguente link paypal.me/denunceitaliane

    Non utilizzando pubblicità all'interno del sito internet dipendiamo completamente dalle donazioni.

    Grazie per il tuo supporto.